Concerto di e con NICONOTE
Nel programma di “VOCI E CORPI

FEVER 103° – che in italiano si potrebbe tradurre con ‘febbre a 41’, febbre altissima – è il titolo di una lirica di Sylvia Plath a cui questo spettacolo è dedicato.
Un viaggio nella parola, nel potere performativo della parola.
La scrittura di Sylvia Plath è continuamente riportata e rielaborata attraverso un racconto che si sviluppa tra musica e teatro esprimendo una condizione schizofrenica tra il quotidiano e una femminilità creatrice ed ammaliante, eppure implosa e sofferente.

Sul piano drammaturgico NicoNote opera una scelta specifica, sceglie un linguaggio molto moderno e apparentemente “innocuo” ovvero quello della consolle del DJ, mette in scena un concerto per voce, dischi e laptop – un rimando alla cultura contemporanea del Clubbing. E dalla sua “consolle” che diventa corpo e macchina scenica, NicoNote porta lo spettatore in un viaggio di interiorità inafferabile ed umorale, un reame sonoro e vocale fatto di frammenti, di “cut up” e sovrapposizioni, sbalzi d’umore e soavi istanti di quiete, che richiamano il potere evocativo della poesia di Sylvia Plath.

Creatrice di mondi sonori non riconducibili ad un genere codificato, NicoNote sviluppa un racconto attraversando frammenti vari, anche fatto di momenti di improvvisazione che rendono unica ogni rappresentazione. FEVER 103° È uno spettacolo che non viene dato sovente. L’artista lo propone in repertorio dal 2005, assecondandone la continua evoluzione, replica dopo replica.

NicoNote è una Voce. Uno strumento. Un universo. Progetto artistico e Alias creato nel 1997 da Nicoletta Magalotti (1962) Italiana-austriaca con base nella felliniana Rimini: NicoNote è cantante, performer, compositrice. Artista trasversale, non definibile nella sua unicità, ha partecipato a buona parte delle svolte ‘artistiche’ degli ultimi 30 anni. New wave, club culture, teatro e scena performativa, elettronica d’autore, producendo una cifra personalissima nella sonorità e nei formati. La sua formazione passa attraverso maestri come Yoshi Oida (Peter Brook), Woytek Krukosky (Akademia Ruchu), Roy Hart Theatre (F) e la scuola di Gabriella Bartolomei a Firenze. Agisce in territori molteplici legati alla musica, al teatro, alle installazioni, al clubbing. Ha all’attivo tournée musicali e teatrali in Italia e in tutta Europa, Israele, Canada, Argentina, Brasile. A metà degli anni 80 è stata la voce della band Violet Eves, protagonista della new wave italiana con l’etichetta indipendente IRA records di Firenze, insieme a Litfiba, Diaframma, Moda, Underground Life. Negli anni 90 insieme al dj David Love Calò cura un privèe/installazione (all’interno della roboante disco Cocoricò) il Morphine, un luogo di radicali sperimentazioni musicali e performative. Nel suo peculiare percorso trasversale è stata diretta più volte da registi quali Romeo Castellucci / Socìetas Raffaello Sanzio, Francesco Micheli, Patricia Allio, Maurizio Fiume, Fabrizio Arcuri e altri, ha collaborato con musicisti di estrazioni molto diverse, da Patrizio Fariselli degli Area a Mauro Pagani, dai producer house Mas Collective a Teresa De Sio, da Dj Rocca a Piero Pelù e Andrea Chimenti a Ghigo Renzulli, da Roberto Bartoli (Tommaso Lama, Steve Grossman) a Stefano Pilia (In Zaire, Afterhours) da White Raven a Enrico Gabrielli (Calibro 35, PJ Harvey), da Luca Bergia (Marlene Kuntz) e Davide Arneodo (Perdurabo, Marlene Kuntz) a Elisabeth Harnik (Joëlle Léandre,John Butcher) e altri.
Una discreta discografia attraversa il suo percorso dal 1985 ad oggi, con vari pseudonimi: Violet Eves, Panoramics, Nicoletta Magalotti, AND, Dippy Site, Slick Station e svariati Featurings. A firma NicoNote ecco infine Alphabe Dream (Cinedelic 2013) poi Emotional Cabaret (DocLive 2017) prodotto insieme a Dani Marzi e Alfredo Nuti Dal Portone, e ora un nuovo album interamente dedicato a riletture dei Violet Eves, dal titolo Deja V. (Mat Factory 2018). Sempre nel 2018 ha debuttato come Molly Bloom in Ulysses Now del gruppo Coniglio Viola, per Festival delle Colline a Torino. Recentemente ha iniziato una collaborazione con la regista e performer Silvia Costa, rivolta alla Osservazione Vocale. Ai nastri di partenza un nuovo progetto didattico sulla Vocalità contemporanea creato insieme alla cantante Monica Benvenuti, Voci Possibili, partirà nel 2019 in collaborazione con Tempo Reale.

Performance dedicata a Sylvia Plath
durata 60 minuti

Musiche da NicoNote, Mikael Plunian , And, M.a.s Collective, Henry Purcell, Tuxedomoon, Elvis Presley, Robert Schumann , Andrea Felli , Stefano Greppi, FM Lab, Violet Eves ed altri
Testi da Sylvia Plath, NicoNote, William Shakespeare, Heinrich Heine , Louise Labè ed altri

ideazione, progetto, performance live NicoNote
tecnica e installazione Antonio Rinaldi
prodotto da NicoNote Dream Action
ringraziamenti Antonio Patanè, Mauro Pecci, Davide Montecchi, Spina05, Patricia Allio

DATA
16.06.2019

LUOGO
Loggia di Davide

ORE
22.30

INGRESSO
A pagamento

IN COLLABORAZIONE CON
Associazione culturale 4’33”
ARS Creazione Spettacolo
Teatro Magro
Carrozzeria Orfeo

GLI ALTRI EVENTI IN PROGRAMMA

Domenica 16 giugno 2019
ore 21.00 | Sala dei Cavalli
VOCE DI DONNA
Spettacolo scritto e interpretato da MELANIA GIGLIO a cura di Daniele Salvo
Domenica 23 giugno 2019
Ore 20.00 e 21.30 | Loggia di Davide
VERSO LA SPECIE
Performance a cura di Societas / Claudia Castellucci.
Inserito nel programma PNP_Pubblico Non Privato.
Domenica 30 giugno 2019
ore 21.30| Sala dei Cavalli
O+< SCRITTURE VIZIOSE SULL’INARRESTABILITÀ DEL TEMPO
Performance. Concept di Francesca Pennini.
ore 22.30 | Loggia di Davide
EMIT
Concerto di Camilla Battaglia